Il valore materico della cucina Beluga, di Rastelli

Mixando contemporaneità e dettagli del passato, Beluga pone in primo piano la matericità di legni e e metalli

Una proposta abitativa dallo stile unico, un sistema in cui l'eleganza e si sposa alla valorizzazione della materia: è Beluga, di Rastelli, disegnata da Ferruccio Laviani. Espressione di un design ai confini con l’arte, Beluga recupera il valore dei materiali, del colore e delle decorazioni in un armonioso gioco di pieni e vuoti, luci e ombre. Al di sopra dell'isola operativa spiccano due volumi in legno collegati da una lastra metallica, ovvero una cappa e un elemento illuminante, che mettono in primo piano l'ambito per cucinare; a parete, la composizione con colonne e scaffalatura a giorno con strutture in tubolare metallico e con pannellature e ripiani in metallo forato. Dettaglio che rende unico il modello è la  maniglia sottile, orizzontale per le basi e verticale per le colonne.

Beluga, di Rsstelli

Le ante con apertura scorrevole complanare riducono gli ingombri e permettono di accedere più agevolmente al contenuto dei vari elementi, rendendo più facili i gesti di chi vive lo spazio cucina. La possibilità di miscelare materiali e finiture diverse consente di proporre soluzioni sempre originali che si esprime attraverso la matericità dei legno naturale di olmo oppure di rovere termotrattato e l'eleganza dei laccati.

Beluga con frontali bianchi

Tra le varie composizioni che si possono creare con Beluga eccone una dal look leggero, giocato sulla neutralità dei frontali bianchi.