Interzum, un successo annunciato

Interzum, il
salone leader mondiale della subfornitura del mobile, ha fatto centro anche
nell’edizione 2013, ritenuta da molti espositori la migliore degli ultimi anni.
Il risultato, che registra un lieve aumento rispetto al 2011, parla di 53.000
visitatori provenienti da 148 paesi, con un’incidenza dei visitatori stranieri
che si aggira intorno al 70 per cento, e un notevole
aumento soprattutto di visitatori provenienti dall’Asia, dall’America del nord
e dall’Europa orientale. “Con la crescita
degli espositori e soprattutto dei visitatori internazionali, l’ultima edizione
di interzum ha dimostrato ancora di essere nel mondo l’epicentro stimolante per
eccellenza del mercato e, di conseguenza, del business del settore
”, ha
sintetizzato Katharina C. Hamma,
direttrice della Koelnmesse
.
Anche in questa
edizione la presenza degli espositori italiani, 266 aziende, è stata la più
elevata ed anche una delle più qualificate. Interessante, ad esempio,
l’esperienza di Agorà
01, l’ iniziativa promossa dalla società di consulenza Yes Team di Roberto
Sabatini in collaborazione con lo studio di design BCF di Marcello Cutino, che
si è presentata all’Interzum 2013 con uno stand di 180 m2 suddivisi in tre
grandi aree tematiche con un unico filo conduttore, l’innovazione, che accomuna
le sette aziende partecipanti: Kale, Ponsi, Fab, Acop, Dmm, Fitlock e Mpiù.In
particolare, Kale, una delle più grande fabbrica di piastrelle di ceramica del
mondo, ha presentato le proprie lastre in ceramiche sottili, chiamate Kalesinterflex,
dai sottilissimi spessori (mm. 3x1000x3000). Ponsi, produttore storico di
rubinetteria per l’arredo cucina e bagno, ha proposto sia il progetto MeP che
rende polifunzionale l’area lavello in cucina sia sofisticati rubinetti con
inserti originali di Swarovski e i futuristici soffioni d’arredo per il bagno.
Dmm, azienda specializzata nella lavorazione dei
metalli con particolare attenzione per l’acciaio inossidabile, ha dato dimostrazione di una vasta
gamma di superfici tra le quali spiccano tre lavorazioni innovative: Touch,
Panneggio e Peltrox con i quali hanno saputo produrre porte, tavoli e
controsoffitti di forte impatto estetico.

Perizia altrettanto apprezzata è stata quella dimostrata
da Artinox che ha presentato le vasche a filo in acciaio trattato al titanio
con finitura dorata perfettamente saldate al piano di lavoro in acciaio
spazzolato e anticato.
Super tecnologico anche il nuovo traguardo raggiunto da
Krono System che ha reso antibatteriche tutte le ante per cucina in acrilico,
già ecologiche e eco compatibili. Il processo, brevettato, prevede
l’introduzione di una carica di ioni di argento nel ciclo di produzione e può
essere effettuato su tutti i prodotti dell’azienda. Sempre a Interzum è stata
premiata per “l’innovazione, la qualità e l’intelligenza del materiale” l’anta
Krono System con profilo a 30°
Se parliamo di trend, ha vinto in assoluto l’estetica del
legno grezzo, con venature e finiture che ne esaltano gli aspetti più naturali
anche se declinata in altri materiali, dalla carta ai compositi, e con un
recupero di nuovi legni o vegetali più economici, ed ecologici, come il bamboo
o la fibra di banana.
Nei meccanismi, significativa la ricerca condotta da
Hettich, che ha festeggiato proprio a Interzum i suoi primi 125 anni, sui sistemi di scorrimento per le ante senza
maniglie che ha generato la famiglia InLine. Accanto al supporto di apertura
elettrico Servo-Drive per aprire i
frontali in modo confortevole, Blum ha messo a punto invece anche una variante
meccanica: Tip-On. Questa soluzione
in futuro sarà a disposizione anche dotata di Blumotion, che ha conseguito l’European Inventor Award dell’Ufficio Europeo dei brevetti (EPO) per la
categoria “Industria”.
Infine, assolutamente degno di nota
il sistema Click Box messo a punto da Unilin per assemblare la cassa della
cucina senza viti e in soli 30 secondi. Una soluzione che l’azienda ha messo a
punto grazie alla sua esperienza nella posa dei parquet in legno che ha
rivoluzionato con il metodo click.



Pubblica i tuoi commenti