Colore per un piccolo spazio cucina

Pareti curve dai colori accesi disegnano una zona pranzo dal carattere inconfondibile celando mirabilmente una cucina super compatta di un appartamento milanese. Una soluzione d'impatto scenografico, che nasce dalla scelta di ottimizzare lo spazio e di sfruttare al massimo la luce naturale.

I colori tropicali, saturi e brillanti, di setti murari pensati come quinte concave e convesse sono il segno distintivo del progetto di ristrutturazione di un appartamento di Milano che si estende su una superficie di 90 mq totali. Ma con una difficoltà: un setto murario portante che attraversa perpendicolarmente lo spazio dividendo in due la casa. Una situazione, come si suol dire, "bloccata", in cui lo spazio che ora corrisponde alla zona pranzo si apre all'esterno con porta-finestra, mentre l'attuale cucinotto si apre con una finestrella. Il punto di partenza era quindi riuscire a sfruttare al meglio queste fonti di luce naturale e, al contempo - come da richiesta dei proprietari - poter avere un'area pranzo ed una per la preparazione dei cibi separate, ma contigue, vivibili e luminose, ed una zona notte completamente appartata.

IMG_3223bweb_1000

Per avere tutto questo in poco spazio, e con tanti vincoli, serviva una soluzione studiata al centimetro, ma soprattutto un'idea brillante. L'architetto Elena Cerizza è andata quindi ben oltre il compito di realizzare una casa funzionale per approdare ad un risultato di grande originalità e di carattere, che scavalca tutti gli ostacoli posti dai vincoli strutturali realizzando un ambiente cucina-pranzo luminoso e accogliente ben separato dall'area zona, a cui si accede solo indirettamente attraverso un mini-disimpegno. “Alla base del progetto sta la volontà dei committenti di muoversi liberamente all’interno dell’appartamento in modo da sfruttarne al meglio le potenzialità”, spiega l'architetto Elena Cerizza. “I setti colorati sono gli elementi utilizzati per caratterizzare gli spazi e le funzioni, mentre la loro forma curva facilita il movimento e convoglia la luce verso le zone principali della casa”.
Il disegno della pianta dell'area cucina-pranzo è realizzata quindi in base allo studio dei dei percorsi cercando il modo migliore per far fluire la luce proveniente dall'esterno.

IMG_3185a-low_865

Oltre ad uno studio planimetrico di sicuro originale, il tocco "smart" di questo progetto è dato dalle quinte murarie che  si innalzano con tagli obliqui. A cominciare dalla paretina gialla bassa, che nasconde sì la cucina, ma in modo intelligente, alzandosi da una quota di circa un metro e mezzo per arrivare poco più in alto, ad una altezza utile a nascondere alla vista dalla zona pranzo, il blocco operativo del top completo di fuochi, lavello, forno in appoggio, e la mensola superiore. L'altezza ridotta della paretina gialla è stata voluta per far defluire la luce tra i due ambienti, incanalata da questa quinta gialla e da quella opposta curva di colore verde, che corrisponde al confine con il bagno. Il cucinotto è dotato di tutto il necessario: le due ante in policarbonato delle basi nascondono la lavatrice, la lavastoviglie e la pattumiera. A parete, una armadiatura mimetizzata con una serie di mensole cela il frigocongelatore.

ELENA CERIZZA_Casa a Milano_later  ELENA CERIZZA_Casa a Milano_5

L'anta del frigo in laccato bianco si apre sul lato del contenitore perpendicolare alla mensole, verso la porta-finestra, con una una maniglia verticale. Anta e maniglia proseguono in altezza con fino al soffitto, realizzando così un volume di contenimento indispensabile per piatti, stoviglie e lo stoccaggio di cibi. La nicchia della paretina di fondo è stata infine attrezzata come scaffalatura a giorno per contenere utensili e oggetti.

ELENA CERIZZA_Casa a Milano

La zona pranzo attigua e complementare alla cucina è definita, su un lato, dalla parete verde convessa che lascia poi il posto ad un pannello a tutta altezza in vetro opalino, pensato per rafforzare il passaggio della luce tra i due ambienti - tra il bagno e cucina-pranzo - mantenendo comunque la privacy. Dopo la vetrata opaca, ecco una nuova quinta, ora di colore blu, che prima disegna una "virgola" che funge da libreria e poi delinea un varco asimmetrico corrispondente al mini disimpegno verso il bagno e la camera da letto.

Elena Cerizza casa Milano_2

 

 

 

 

 

 

 

Il colore blu che definisce anche la parete alle spalle del tavolo rotondo - circondato da sedute perfettamente intonate, si identifica con una capiente armadiatura alta fino al soffitto. 

SCHEDA PROGETTO

Località: Milano (MI) - Italia

Progettista: Elena Cerizza - Architetto

Sup. tot. appartamento: 90 mq
Tipologia spaziale cucina: aperta sulla zona pranzo
Sup. zona cucina: 5.5 :
Arredo cucina: su misura
Finiture: ante scorrevoli basi in policarbonato; ante colonne in laccato bianco; top in laminato bianco tagliato su misura
Elettrodomestici: frigo-congelatore Liebherr; lavello e rubinetteria Franke; forno microonde Siemens, in appoggio sul top

 

PIANTA CUCINA-PRANZO E BAGNO

ElenaCerizza_casaTropicale_pianta_cucina_pranzo

 

PIANTA APPARTAMENTO

ElenaCerizza_casaTropicale_pianta appartamento

 

 

Pubblica i tuoi commenti