Più spazio e libertà ai fornelli con i bruciatori Pitt Cooking

I bruciatori Pitt® Cooking, distribuiti in Italia in esclusiva da I&D Blanco, si basano su singoli fuochi di diversa potenza e tipologia che possono essere montati su molteplici top, permettendo la massima libertà e personalizzazione della zona cottura

Con i bruciatori proposti da Pitt® Cooking cambia radicalmente la progettazione dell’area cottura.

Il sistema messo a punto dall’azienda olandese, distribuita in Italia in esclusiva da I&D Blanco, si basa su singoli fuochi di diversa potenza e tipologia che possono essere montati su molteplici top - quarzo, granito, vetroceramica, solid surface, acciaio inox - e per qualsiasi stile di cucina, da quelle contemporanee alle più tradizionali.

Test severi hanno dimostrato la sicurezza del sistema, coperto da 30 mesi di garanzia, perché durante l’utilizzo la temperatura del top resta bassa e il trasferimento di calore è contenuto. Solo il montaggio su piani in laminato e in legno massello è sconsigliato.

Dal punto di vista progettuale la sfida di Pitt® Cooking è molto interessante perché garantisce la massima libertà e personalizzazione della zona cottura e offre anche maggiore spazio per utilizzare contemporaneamente tutti i fuochi, anche con padelle grandi. E ai cuochi che vogliono maggiore libertà di movimento Pitt® Cooking propone la variante XL che garantisce ancora più spazio. La gamma XL include 7 modelli di piani cottura e, rispetto i bruciatori “base”, la distanza tra due bruciatori è di circa 37 cm.

Infine, per chi vuole il massimo, Pitt®Cooking propone la linea Professional i cui potenti bruciatori sono realizzati in ottone. Ogni modello che comprende uno o più fuochi wok viene fornito con l’innovativa corona wok Pitt® Cooking.

L'integrazione totale dei bruciatori Pitt Cooking vista da vicino

IN EVIDENZA, I DETTAGLI CHE CONTANO

  • La scelta di bruciatori Pitt® Cooking è molto ampia e si passa da un set minimo di un fuoco a un set composto da sei elementi
  • I diffusori dei fuochi possono essere in alluminio o in ottone secondo i modelli e le griglie sono in ghisa
  • Grazie al design versatile, le zone di cottura possono essere pulite in modo semplice e veloce
  • Per il montaggio i modelli base richiedono una profondità del piano di lavoro di almeno 600 mm, mentre gli XL ne richiedono una di almeno 650. Parlando di spessore del top, invece, si va da un minimo di 4 a un massimo di 35 mm
  • Il sistema Pitt® Cooking è stato testato severamente e ha la certificazione ufficiale della società olandese Kiwa Gastec, presente in oltre 40 paesi al mondo, oltre che delle seguenti istituzioni: CE (European Union), CSA-UL (USA and Canada), SAI Global (Australia), CC-Gas (China), GOST-Russia (Russia), SPRING (Singapore/Asia)

 

Pubblica i tuoi commenti