Flagship store Aran Cucine: a Milano, per parlare con il mondo

Lo spazio è importante, 900 metri quadri su tre livelli, la location è in uno dei distretti più strategici di Milano, l’allestimento è stato studiato con un concept calibrato per raccontare al meglio il brand Aran Cucine

28Stiamo parlando del nuovo flagship store inaugurato il 15 novembre a Milano alla presenza di tutto il management dell’azienda, guidato da Renzo Rastelli.

Licia, Renzo e Erika Rastelli, rispettivamente product manager, amministratore delegato e brand manager di Aran World, fotografati durante l’inaugurazione dietro il banco di Sipario, la cucina di Makio Hasuike che accoglie i visitatori all’ingresso del flagship store milanese inaugurato il 15 novembre 2017.

Proprio Rastelli racconta come questa apertura sia la punta di diamante di un percorso iniziato con Eurocucina 2016, che ha visto l’azienda puntare sui monomarca e sugli “shop in shop” declinati su un format “Ideal Shop” messo a punto con il designer Stefano Adriani.

«Solo in Italia abbiamo aperto 70 negozi da settembre 2016, tra monomarca e shop in shop, e con un ritmo sostenuto, ma già pianificato, contiamo di arrivare a 100 punti vendita entro aprile 2018 e a 200 entro il 2019. Anche all’estero stiamo seguendo la stessa politica, declinata solo sui monomarca.
La parte del leone è ancora quella dei due paesi europei Francia e Spagna ma ci stiamo espandendo anche in Oriente e in tutti gli altri continenti.
Poco prima dell’inaugurazione di Milano, ad esempio, eravamo reduci dalle aperture a Seul, Manila, Cina, Hong Kong, Taiwan. Anche la nostra presenza alla seconda edizione del Salone del Mobile di Shanghai è stata ovviamente finalizzata a stabilire nuovi contatti in quella regione, che è sempre più importante per l’export italiano e in cui noi siamo già presenti con 15 store».

La stessa l’apertura del flagship store milanese, su cui l’azienda ha fatto un investimento immobiliare di 4 milioni di euro, ha una valenza importante nella politica di espansione internazionale dell’azienda, oltre che essere un nuovo riferimento per i milanesi che possono trovare soluzioni accessibili e nello stesso tempo molto curate, in un contesto raffinato e accogliente.

«A Milano abbiamo voluto rappresentare tutte le anime della nostra azienda, che comprende i bagni, gli armadi e il marchio alto di gamma Rastelli, perché il flagship store vuole essere un punto di riferimento anche per gli architetti, italiani e stranieri, finalizzato allo sviluppo di progetti contract. Un ambito in cui Aran è sempre stata molto forte, che ancora oggi rappresenta il 20% del fatturato, e a cui abbiamo dedicato una divisione in cui lavorano 29 ingegneri e architetti che operano con un concetto di prodotto molto personalizzato. L’apertura di Milano è, inoltre, una ulteriore dichiarazione di intenti che ci vede sempre più impegnati nel retail. Una scommessa che ci ha consentito di crescere in Italia del 30% nell’ultimo anno ma che ancora deve dare tutti i suoi frutti considerate le innumerevoli aperture recenti. Milano, in altre parole, è l’ultimo tassello che serviva per far capire ai clienti italiani che stiamo facendo sul serio».

Parlando di prodotto, poi, le armi per dare una risposta completa al mercato non mancano. «Aran Cucine ha una profondità di gamma unica nel panorama delle cucine con le sue 1.200 finiture. Una gamma “a doppia misura” da quando con la collezione LAB13 si è voluto presentare anche il passo 13, oltre che quello più standard da 12. Operiamo con tre marchi: Ciao, il brand entry level che ha una distribuzione dedicata, Aran Cucine che rappresenta il segmento medio e medio-alto, e il più esclusivo Rastelli che esprime il segno di alcune tra le archistar italiane e internazionali più famose».

Lo store milanese riconosce uno spazio importante a LAB13, una delle soluzioni più evolute proposte da Aran Cucine che interpreta il nuovo modulo con passo 13

Intanto, a proposito di designer di grande calibro, ad accogliere i clienti a Milano è la cucina Sipario, disegnata dal grande Makio Hasuike per il brand Aran Cucine, che da gennaio sarà in produzione.

Il designer Makio Hasuike, mentre spiega i concetti che hanno determinato lo sviluppo del progetto Sipario

Una sfida che sintetizza con semplicità e funzionalità le nuove tendenze dell’abitare contemporaneo e la filosofia stessa di Aran Cucine che vuole dare le giuste risposte al consumatore di tutto il mondo. Un impegno che onora affidandosi per la gestione alla professionalità e competenza della famiglia Galbiati, da tempo punto di riferimento importante per il design milanese.

Al piano terra del flagship store trova spazio anche la cucina scelta per il Grande Fratello Vip

In apertura: il flagship store milanese di Aran Cucine si affaccia con otto vetrine su piazza San Gioachimo, nel cuore del distretto di Porta Nuova.
Al piano terra l'area espositiva è caratterizzata da un ambiente luminoso ed elegante

Pubblica i tuoi commenti