Faber al Fuorisalone 2017

L’innovazione e la tecnologia incontrano la tradizione antica di un territorio, le prestazioni e le caratteristiche tecniche delle cappe aspiranti vengono esaltate da un aspetto estetico e da un materiale inedito per questo particolare utilizzo.

Nell’evento “Faber Art Matters: the power of Aspiration and Inspiration”, andato in scena durante la Design Week milanese, le cappe Faber sono state impreziosite dal know how unico del mastro cartaio di Fabriano Sandro Tiberi. Il risultato di questo incontro è K-Arta, una nuova cappa rivestita con una particolare texture ottenuta dall’autentica carta di Fabriano che la ricopre e nasconde un cuore iper tecnologico sviluppato da Faber.

Design, innovazione e creatività sono le parole chiave di questo progetto che nello spazio Classroom di via Tortona ha trovato espressione concreta in tre esclusive cappe, caratterizzate dalla tecnologia Up&Down che permette loro di scendere sul piano cottura e grazie a Talìka, prodotto di punta dell’azienda, trasformato in un vero quadro proprio grazie all’utilizzo della carta.

Faber F-light carta 1

La presenza al Fuorisalone 2017 vuole confermare la sensibilità dell’azienda verso il design e la contemporaneità, ma anche ribadire il forte legame con un territorio vivo e ricco di storia, quello di Fabriano appunto, oltre al continuo sguardo rivolto al futuro e sempre nel segno dell’innovazione.

IMG_9050

Non solo carta però. Talìka, Veil e T-Light sono i tre modelli che in occasione di questo evento sono stati valorizzati anche da un inedito rivestimento in legno nato dalla collaborazione con Haute Material. Il rovere di Palude, legno particolare ottenuto da tronchi subfossili, con le sue tonalità uniche di grigio, rinnova l’estetica di Talìka mentre i Legni Color invece, realizzati grazie ad un innovativo sistema di impregnazione del legno a tutta massa con colori naturali, rivestono Veil e T-Light.

IMG_9054

Pubblica i tuoi commenti